Quando conviene stipulare una polizza viaggi annuale?

Una polizza viaggi annuale, conosciuta anche come assicurazione multiviaggio, copre i rischi collegati a tutti i viaggi compiuti dall’assicurato nell’arco di un anno; in alcune situazioni, ma solo in alcune, essa è molto più conveniente rispetto alla stipula di singole polizze per ogni viaggio intrapreso.

Se si viaggia più di una volta l’anno, la scelta di una polizza multiviaggio annuale consente un notevole risparmio, laddove essa permette di effettuare un numero variabile, ma comunque superiore a uno, come nel caso delle assicurazioni normali, di viaggi all’estero, a condizione che ciascuno di essi non superi, come durata, un certo numero di giorni stabiliti nel contratto uno, due o tre mesi, il più delle volte.

Solitamente, le assicurazioni viaggi annuale comprendono la copertura sull’annullamento del viaggio l’assistenza sanitaria. Ultimamente, però, sotto una domanda crescente da parte dei consumatori, sempre più compagnie assicurative si stanno specializzando nell’offerta di assicurazioni personalizzate, costruite su misura per il cliente. In questo modo, per chiunque voglia stipulare una polizza multiviaggio, sarà molto più semplice orientarsi nella scelta del prodotto assicurativo migliore.

Quando diventa utile una polizza viaggi annuale?

Benché sia possibile personalizzare le polizze viaggi, cioè scegliere i servizi di copertura che più ci interessano al fine di ottimizzare i costi della nostra assicurazione multiviaggio, bisogna seguire dei passi imprescindibili, per non sbagliare.

A seguire, vi proponiamo una guida pratica, per aiutarvi a scegliere la polizza più adatta alle vostre esigenze.

  1. Analisi dei bisogni
    Partire dalla domanda: “cosa mi serve” può sembrare banale, ma è senz’altro un ottimo inizio. Molte persone agiscono d’impulso, si affidano ai consigli di amici e conoscenti o, ancora peggio, si fermano alla prima proposta senza chiedersi se possa esistere dell’altro. Tenete presente che, sebbene compirete più di un viaggio nell’arco di un anno, non è detto che la polizza multiviaggio sia la soluzione migliore in assoluto. Infatti, la polizza viaggi annuale comincia ad avere senso quando i viaggi sono più di due o tre, tutti all’estero e per una durata minima di giorni, a seconda delle compagnie, come già accennato. Questo perché, se è vero che un’assicurazione multiviaggio può far risparmiare, è anche vero che il risparmio si realizza solo a determinate condizioni; in tutti gli altri casi è più conveniente optare per una, due, tre regolari polizze temporanee.
  2. Valutazione delle possibilità
    Dunque, se si parte per un viaggio all’estero, diventa sensato valutare l’idea di stipulare una polizza viaggi. Assicuratevi prima di tutto che non ne abbiate già pagata una acquistando il volo online o tramite la vostra agenzia viaggi. Se è questo il caso, potreste disdire la prima – se possibile – a vantaggio di una seconda, più completa e che vi semplifichi le cose laddove avrete un solo referente. In alternativa, richiedete presso una compagnia assicurativa una polizza viaggi integrativa, che fornisca le coperture mancanti. Se volete stipulare una polizza multiviaggio, e se vi recherete in Paesi diversi durante l’anno, cominciate a prendere in considerazione anche le coperture che vi torneranno utili per i viaggi successivi al primo.

    Qualche esempio:

    1. Se ci saranno viaggi all’insegna dello sport, richiedete la copertura per gli infortuni personali;
    2. Se andrete negli USA o in Canada, assolutamente non dimenticate la copertura per l’assistenza sanitaria;
    3. Se vi recate in Paesi particolarmente soggetti a furto dei bagagli in aeroporto, assicurate il vostro bagaglio;
    4. Valutate anche che le coperture per la Responsabilità Civile ed eventuali spese legali.
    5. Ogni possibilità deve essere valutata singolarmente.
  3. Esame preventivi
    Una volta stabilito di cosa avete bisogno, cominciate a richiedere un certo numero di preventivi, stando attenti a non lasciarvi fuorviare dalle offerte alternative. Affidatevi possibilmente a compagnie, seppur estere, espressamente autorizzate dall’ISVAP a operare in Italia. In caso contrario, potrebbe essere problematico far valere i vostri diritti nell’ambito delle regolamentazioni di un mercato estero, ecco perché le assicurazioni di compagnie estere, con sede e indirizzi all’estero, costano meno.
    Solo dopo aver esaminato un bel po’ di offerte, scegliete serenamente quella che ritenete più adatta, più conveniente, più ragionevole: in una parola, la migliore.